Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

21 agosto 2017

Le Cantine Ferrari danno il via alla Vendemmia 2017

Con quasi 15 giorni di anticipo rispetto alla passata stagione e circa 8 giorni prima della media degli ultimi cinque anni, il 14 agosto le Cantine Ferrari hanno iniziato la vendemmia dei vigneti alle pendici dei monti che producono le uve Chardonnay alla base dei loro Trentodoc.

L’intenso caldo di fine luglio e inizio agosto, comunque mitigato dall’altitudine dei vigneti Ferrari, aveva infatti accelerato la maturazione delle uve e causato una temporanea concentrazione degli zuccheri e un calo dell’acidità, riportati poi a livelli di stagione dalle successive piogge e dalle ottimali escursioni termiche di questi giorni.

La vendemmia comincia quindi con un clima favorevole e con una maturazione delle uve che prosegue senza problemi, sebbene con un leggero calo della produzione rispetto alla media.

Questa diminuzione è da addursi principalmente alle gelate primaverili e agli episodi grandigeni di luglio, ma, a differenza di altre zone d’Italia, la quota e qualche provvidenziale pioggia nei vigneti Ferrari ha evitato che il gran caldo, che ha attanagliato l’intero stivale per i 15 giorni a cavallo tra luglio e agosto, provocasse una pericolosa siccità.

La vendemmia è partita ovviamente dai vigneti di Chardonnay più a bassa quota e andrà a risalire e passare poi anche a quelli di Pinot Nero; non v’è certezza sulle condizioni meteorologiche del prossimo periodo, ma tutto fa ben sperare in una vendemmia di soddisfazione.

Ancora una volta, dunque, la viticoltura di montagna, tipica del Trentodoc e anima della qualità Ferrari si conferma la chiave per assicurare una perfetta acidità delle uve conferendo grande complessità e finezza di aromi che, grazie alla maestria degli enologi della Casa trentina, si ritroveranno esaltati in ogni bicchiere di bollicine Ferrari Trentodoc.